Polo Universitario di Colle di Val d'Elsa Ricerca Formazione Analisi Consulenza

SEDE

Il Palazzone fu progettato dall’ingegnere, architetto e urbanista bolognese Filippo Buriani (1847 -1898), nel 1886 e realizzato circa tre anni dopo.

L’edificio che si sviluppa sul crinale del rilievo collinare, ha una struttura massiccia e asimmetrica; la pianta si caratterizza per la presenza di tre corpi sporgenti: uno al centro del prospetto e gli altri due più stretti, sul retro dell’edificio.
Gli elevati del palazzo si distinguono per diverse altezze: il prospetto frontale che comprende dieci finestre si sviluppa su due piani, i fianchi su tre, mentre il retro dell’edificio raggiunge la massima espansione con quattro ordini di finestre.
L’intero edificio ha un rivestimento a conci lisci, i portali e le finestre a tutto sesto sono racchiusi entro archi formati da conci disposti a ventaglio. I prospetti sono spartiti in senso orizzontale da cornici che corrono all’altezza dell’imposta degli archi delle finestre negli ordini inferiori, marcapiano in quello superiore.
Per la facciata del palazzo Antonio Salvetti nel 1894 realizzò due rilievi raffiguranti lo stemma della città di Colle di Val d’Elsa e l’allegoria dell’Intelligenza che medita, impersonata da una giovane dall’abbigliamento classico immersa nella lettura di un libro.
Degni di nota sono i calchi in gesso che decorano le pareti dell’Aula Magna. I rilievi che raffigurano la battaglia del Tagliamento (1917), sono ricavati dalle sculture realizzate da Vico Consorti (1902 – 1979) a ornamento del ponte Duca d’Aosta a Roma.

MERIS MEZZEDIMI, Il Palazzone dalla Scuola Elementare all'Università, Colle di Val d'Elsa, Editrice Vanzi, 2009 - (volume n. 12 della collana “Le filigrane” del Comune di Colle di Val d’Elsa, Assessorato alla Cultura).

Alcune foto della sede del C.r.e.a.